Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website

Blog

Scopri la Toscana con noi

San Gimignano, una perla della Toscana

Una vera attrazione da non perdere in un viaggio in Toscana. Conosciuta come la “Manhattan medievale” o anche come “La città delle torri“, San Gimignano è uno dei borghi più affascinanti del nostro territorio. Situato in provincia di Siena, è un piccolo comune di circa 8.000 abitanti il cui centro storico, dal 1990, è stato inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, perché ha preservato la sua autentica struttura medievale sia dal punto di vista architettonico che urbanistico. Nessun racconto può trasmettere la magia che si respira ancora oggi tra i suoi vicoli all’ombra delle sue 14 torri e descrivere la bellezza ammaliante dei tesori che custodisce, poiché San Gimignano resta un’emozione da vivere in prima persona. Tuttavia, cercheremo di stimolare la vostra curiosità illustrando quelli che secondo noi sono i luoghi più rappresentativi. 

foto piatto di pasta

Appena varcata una delle due porte di accesso al cuore di San Gimignano, vi troverete a passeggiare tra palazzi storici e viuzze lastricate che vi catapulteranno, come per incanto, in un’altra epoca. Il via vai di turisti lungo Via San Giovanni o Via San Matteo scandisce il tempo di questa meravigliosa cittadina capace di regalare, ad ogni centimetro, veri e propri scorci da cartolina che devono essere ammirati camminando molto lentamente per scoprirla nel miglior modo possibile. Passeggiare all’interno delle mura medievali non significa soltanto respirare secoli di storia, ma anche lasciarsi attrarre dai deliziosi profumi che si diffondono dalle numerose “salsamenterie” e dalle gelaterie che animano il cuore del borgo. Tra queste ultime, troverete la pluripremiata Gelateria Dondoli sulla piazza principale, Piazza della Cisterna: qui oltre alle tipiche varietà di una volta, ci sono anche alcuni gusti insoliti, come noci e gorgonzola, lamponi e rosmarino o cappuccino e rum. Una tappa che vale assolutamente la pena fare!

foto di piatto di pasta

Uno dei monumenti più importanti di San Gimignano è la Piazza della Cisterna, che deve il suo nome alle cisterne sotterranee che furono costruite già nel 1287. La pavimentazione di mattoni disposti a spina di pesce leggermente in pendenza, la forma a triangolo rovesciato e la cisterna a forma ottagonale in travertino posizionata al suo centro sono i tratti distintivi di questo angolo della città che saprà attirare la vostra attenzione. 

Un’altra bella attrazione è Piazza del Duomo, che si trova proprio vicino a Piazza della Cisterna. Intorno ad essa ci sono molti altri luoghi da visitare, come la Torre Grossa (la torre più alta della città), il Municipio e la Collegiata Santa Maria Assunta. Ciò che più affascina di questo edificio religioso sono indubbiamente le incantevoli volte a vela e i dipinti posti sulla controfacciata raffiguranti la Gloria del Paradiso e le Pene dell’Inferno. La Collegiata di San Gimignano, che all’esterno si presenta come una costruzione semplice e austera, custodisce un altro autentico tesoro: la Cappella di Santa Fina, protettrice della cittadina medievale, all’interno della quale si trovano preziose opere rinascimentali di artisti fiorentini.

Tuttavia, le Torri di San Gimignano sono il fiore all’occhiello di questa città storica. Poiché una vita lussuosa non era ancora possibile nel Medioevo, le famiglie patrizie cercarono di affermarsi con l’altezza delle loro torri: oggi, all’interno del centro storico, ci sono ancora 15 delle 72 torri. La più importante è la cosiddetta Torre Grossa, alta 54 metri, sulla quale è possibile anche salire e dalla cui cima si gode di una meravigliosa vista sul verde paesaggio della Toscana, ma anche del bellissimo centro storico medievale.

A San Gimignano ci sono anche numerose chiese e monasteri. Un piccolo gioiello nascosto è la chiesa di San Lorenzo al Ponte, costruita nel 1240: particolarmente interessante è l’interno, dove si possono ammirare affreschi dell’artista Cenni di Francesco di ser Cenni.
Uno dei luoghi panoramici da introdurre senza dubbio nelle cose da vedere è la Rocca di Montestaffoli, un’area in origine di proprietà del vescovo di Volterra dove, grazie alla posizione strategica del territorio, veniva svolto un antico e ricco mercato. Questa fortificazione, costruita nel XIV secolo a seguito di un’epidemia e per tale motivo racchiusa in due cinte murarie, ha attraversato un periodo di decadenza per poi essere restaurata nel Novecento; oggi risulta un parco pubblico ad accesso gratuito. Appena varcata la porta di accesso troverai un grazioso uliveto con un pozzo centrale, ma il punto di maggior interesse è sicuramente una piccola torretta da cui è possibile scorgere una delle più belle viste di San Gimignano, che spazia dall’inconfondibile profilo delle sue torri alla campagna circostante.
Image

Torniamo al cibo. Una delle cose che bisogna assolutamente fare è assaggiare il suo fiore all’occhiello: lo zafferano. Prodotto DOP dal 2005 (l’unico ad avere questo riconoscimento) è chiamato “oro rosso” perché un tempo veniva anche utilizzato al posto della moneta e aveva più valore di terre e servi, tanto che nel 1228 il Comune di San Gimignano ci pagò parte dei debiti contratti per l’assalto al Castello della Nera. Veniva anche offerto come omaggio ad ambasciatori, Re e regine e altri personaggi importanti, senza contare che gran parte della città è stata costruita con i soldi guadagnati grazie al commercio dello zafferano. I fiori di zafferano sono davvero delicatissimi e tutto il processo di produzione è unico, tanto da essere autorizzato solo a San Gimignano. 

Quando si parte?

Across Tuscany

Via Vittorio Veneto, 18 52100 Arezzo

Escape srl, P.IVA 01580130514
Registro Imprese di Arezzo - REA 123193, Cap.Soc. I.V. 75.600 Euro

Informazioni

Orari di apertura: dal Lunedì al Venerdì, 9.00 - 19.30

Seguici su